C’era una volta (e ci sara’ ancora) la Formazione Professionale Salesiana a Torino.

Schermata 2014-10-10 alle 11.51.48Ancora una volta la formazione professionale salesiana guarda avanti. E per farlo rivolge lo sguardo indietro, alle sue radici.

Al Centro di Formazione Professionale Rebaudengo l’anno formativo è cominciato. Circa trecentocinquanta allievi hanno iniziato il nuovo anno con entusiasmo e allegria, così come Don Bosco insegna.
Le classi seconde e terze hanno trascorso un paio di giorni di preparazione sia umana sia formativa presso il Fortino di Santa Chiara, mentre le classi prime, come di consueto, hanno vissuto una giornata di orientamento ed accoglienza al Colle Don Bosco, la’ dove tutto ebbe inizio.

Nel bicentenario della nascita di San Giovanni Bosco, in una Torino Città Metropolitana che sempre più ha bisogno di guardare al futuro, si apre l’anno formativo parlando di tradizione e innovazione.

Innovazione e tradizione. Un tema caro a Don Bosco ed ai Salesiani, che sanno bene che il futuro si fonda sulle propria storia e radici. Quasi duecento anni di esperienza tradotti In un’azione quotidiana concreta ed efficace in una Torino che ancora una volta sembra chiedere ai Salesiani di rinnovare la propria missione: accogliere, orientare, formare e introdurre al mondo del lavoro, con una particolare attenzione ai giovani ma anche agli adulti disoccupati, agli ultimi e ai più poveri. Nel solco del metodo preventivo di Don Bosco, che guardava ai giovani con cuore amorevole e sempre rivolto al loro futuro sia umano sia professionale.

Nell’ottica dell’interscambio e della condivisione tra le sedi torinesi del CNOS FAP, l’ente di formazione professionale salesiana, anche quest’anno i centri Rebaudengo, ValdoccoAgnelli ospiteranno tre momenti di festa e di riflessione comune, in cui gli allievi e i formatori salesiani si potranno confrontare con il mondo del lavoro e quello della politica.

Il primo appuntamento, l’inaugurazione dell’anno formativo, si terrà nella mattina di venerdì 17 ottobre 2014 al centro Rebaudengo, in piazza Rebaudengo 22.

L’incontro al Rebaudengo vuole essere un momento di confronto, di sport e di festa fra i ragazzi e i formatori.
Con questo appuntamento si vuole rendere gli allievi protagonisti, far conoscere alle autorità politiche il lavoro svolto dalla formazione professionale salesiana a Torino, dare visibilità ad aziende come Heidenhain, Schneider Electric e molte altre, che collaborano con questa realtà.

È prevista nella mattinata una tavola rotonda con la presenza del vicesindaco di Torino Elide Tisi e dell’assessore Gianna Pentenero, dal tema “Tecnologia: tra innovazione e tradizione“, che precederà l’inaugurazione di un nuovo macchinario, una macchina utensile a controllo numerico che servirà ad arricchire le attrezzature del Centro di Torino Rebaudengo

A moderare gli interventi sarà Maria Teresa Martinengo, giornalista de La Stampa di Torino.